Pagina 1 di 1

....ovvero...questo sconosciuto.

Inviato: ven mag 07, 2004 2:20 pm
da Bike
Dopo Barrett (con tutte le considerazioni che meriterebbe sotto questo aspetto) considero Richard Wright un'artista dalla profonda sensibilità , tradotta molto spesso in umiltà , sia caratterialmente che in senso strettamente musicale.

Questo lo ha portato negli anni ad eclissarsi nell'ombra di un nome il cui stendardo veniva retto dagli altri due caratteri più incisivi del gruppo.

Eppure, se ci fate caso, il suo spunto melodico, i suoi tappeti sonori, la sua personalissima quanto intima recherce musicale è sempre ravvisabile, dalla voce impastata di Matilda e Astronony, ai suoi assoli orientaleggianti dei primi anni, alla voce profonda e romantica di brani misconosciuti quali Burning Bridges e Stay, fino al ritorno di Division Bell.

E si tratta di una sensibilià  musicale scaturente da anni di ascolti attenti, approfonditi, di musica di non semplice fruizione, ascolti attraverso i quali il buon Wright, pur non essendo un compositore ed un musicista eccelso, ha comunque maturato un suo particolare stile, riscontrabile peraltro nei suoi lavori solisti, lo splendido Wet Dreams ed il recente, bellissimo Broken China (salto volutamente l'esperimento di Pop elettronico Identity perchè troppo condizionato dal socio nel malriuscito progetto Zee, Dave Harris)

Quando ascoltai per la prima volta The Final Cut, ricordo che la prima cosa che pensai fu che mancava di omogeneità  armonica, di un suono riconoscibile come floydiano. In poche parole....mancava Wright.

Stessa considerazione valeva per A Momentary Lapse of Reason, laddove si tentò di recuperare un pò di quel suono ma con risultati discontinui ed ancora carenti.

All'ascolto di The Division Bell invece, già  dai primi accordi di Cluster One, il suono dell'intero album (per quanto, va bene, non può essere certo considerato un capolavoro), recupera molto dell'amalgama degli anni precedenti a The Wall, basti pensare ad esempio all'assolo di synth di Keep Talking o al piano di Marooned o, ancora di più, a Wearing the inside out.

Accolsi con gioia, nel 1994, il ritrovato Wright, mi ha ridato quella parte di Pink Floyd che non riuscivo più a trovare.

Inviato: ven mag 07, 2004 10:55 pm
da Cristiano
Sono d'accordo: Rick Wright, a causa del proprio carattere e della propria raffinata preparazione musicale ( viene dal mondo del jazz, non dimentichiamolo) è uno di quei "non-personaggi" che hanno fatto la storia della musica.

Io lo considero un grande musicista, che in alcune occasioni si è messo splendidamente in luce , come su Piper (l'ho gia' detto, è l'unico a infondere linfa al sound psichedelico creato da Barrett), per non parlare della eterea melodia di Us and Them , di Great Gig in the Sky (forse gli unici due pezzi nella cui creazione lui e Roger siano mai andati veramente d'accordo..), agli spettrali passaggi di Echoes , o alle parti "sinfoniche" di Shine on..un musicista completo, che almeno fino al 1975, insieme a Dave Gilmour ha saputo colorare a tinte pastello i testi grigi di Roger.

Da Animals in poi, Roger ha preso in pugno la situazione e devo dire che, pur adorando io diverse cose fatte dal gruppo sotto la sua direzione, senza l'apporto di Wright e poi di Gilmour si è perso parecchio di quel sentimento e di quelle atmosfere soffuse tipiche del PF sound..The Division Bell è il disco del ritorno di Wright e dei Floyd -scusa Rog- (bella la lievemente jazzata Inside Out!!!), a cui aggiungo i due dischi solisti del 1978 e del 1996.

Cristiano

Inviato: dom ago 29, 2004 5:24 pm
da Fabio
anche io sono d'accordo...Rick è un componente fondamentale del gruppo, senza di lui il suono dei PF non sarebbe lo stesso...
Forse è prorio questo uno dei fattori (mi riferisco all'aspetto prettamente musicale) che hanno contribuito a rendere leggendario il gruppo, nel periodo "d'oro" (intendo la formazionie Gilmour-Waters-Wright-Mason) l'abbinamento delle tastiere di Richard alla chitarra di David era un qualcosa di assolutamente unico nel panorama della musica rock dell epoca (e a mio modesto parere è una abbinamento tuttora insuperato).
Si pensi ad esempio alle prime due parti di SOYCD...

Inviato: mar ott 05, 2004 10:53 am
da Fabio
l'ho gia' detto, è l'unico a infondere linfa al sound psichedelico creato da Barrett


quoto in toto.....le tastiere nei primi album sono qualcosa di veramente unico... ed eccezionale è anche il "cambiamento" che secondo me è avvenuto nel suo modo di suonare dal passaggio alla formazione con barret a quella con gilmour...

Inviato: sab mag 21, 2005 2:46 pm
da Wolfpack
Non ci sono dubbi. Concordo anch'io nel ritenere Richard Wright un musicista completo.

Rick

Inviato: gio giu 16, 2005 11:35 pm
da GIANNIRW
Ciao, io penso che se non ci fosse stato Rick, non ci sarebbero stati i Pink...., benchè venga poco considerato, ma per mè la sua musica e ottima, il vecchio disco LP WET DREAM che ho oramai non gira quasi piu ha 26 anni avevo 15 anni quando l'ho comprato.
Ciao.

Re: Rick

Inviato: ven giu 17, 2005 9:49 am
da Fabio
GIANNIRW ha scritto:Ciao, io penso che se non ci fosse stato Rick, non ci sarebbero stati i Pink...., benchè venga poco considerato, ma per mè la sua musica e ottima, il vecchio disco LP WET DREAM che ho oramai non gira quasi piu ha 26 anni avevo 15 anni quando l'ho comprato.
Ciao.


un album mooooooolto sottovalutato IMHO...
io personalmente lo adoro.

Inviato: sab lug 30, 2005 3:34 am
da FLOYDMAN
BAH...rick ha una voce che e una favola...se metto su the division bell stai tranquillo che la prima traccia che ascolto la 6.à± tie tie tie cicca cicca cicca

Inviato: ven ago 05, 2005 8:05 pm
da Time
Come dimenticare sisiphus???Ottimo brano di Ummagumma studio se nn erro...

Inviato: ven ago 05, 2005 9:45 pm
da Andrea
Non erri. Si è una composizione notevole.




Andrea

Inviato: sab ago 06, 2005 12:02 am
da FLOYDMAN
pastiche jazz a non finire, Sysyphus...bellissima, una delle più belle dello studio album...

Inviato: mar nov 07, 2006 6:22 pm
da janis-floyd
Sono di poche parole...ma oggi te lo devo proprio dire.....

RICK TI ADOOOOROOOOOOOOOOOOO!!!!!!! :smt060

Amo la sua voce..mi fa sentire serena,
amo la sua musica..dà  unità  ad ogni brano..
amo la sua faccia dimessa e i sorrisi che faceva quest'estate mentre suonava Echoes...


:oops: :oops: :oops: :D