ROSSO FLOYD

Qui potete scrivere tutto sulla storia,i concerti e altre curiosità della band
Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » mar ott 05, 2010 10:03 pm

Ho, dico ogniuno è libero di divertirsi come gli pare ,se non fà  male a nessuno. ha me piace rubare le mutande, la collezione di mutande che ho nell'armadio non c'è l'ha nessuno al mondo. in special modo quelle usate. ecco la mia vita era questa, rubare mutande fino a che arriva quel tale, un mio vicino di casa , un ragazzo simpatico di poche parole, uno strano .non ci ho mai parlato non gli ho detto nemmeno il mio nome, figurarsi se gli dicevo il mio segreto. Bòn, una mattina vado in centro e tutti cantano quella canzone, la storia di uno che ruba la biancheria delle donne e se la mette davanti allo specchio, uno che si chiama come me Arnold Layne, che è poi il titolo della canzone. Non ho avuto più pace, qualche spiritosa mi lascia le sue mutande davanti alla porta, ma non è più lo stesso, perchè io non ho studiato, ma una cosa la capisco, quelle mutande non sono per me , sono per quella canzone. Sono venuti a intervistarmi e mi hanno detto che se non c'ero io non sarebbe esistita nemmeno la canzone, non c'era nemmeno il disco , e quelli non cominciavano la loro carriera. Dopo qualche giorno mi arriva a casa un pacchetto con dentro delle belle mutandine celesti tutte traforate, usate. Bè mi sono detto, un regalo così lo può mandare solo quel pazzo, però grande eh? sissignori un grande........Arnold Layne.
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
Mathilda
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 1121
Iscritto il: mer dic 28, 2005 11:51 am
Località: San Severino Marche
Contatta:

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda Mathilda » mer ott 06, 2010 3:48 pm

Finalmente il libro è arrivato anche a me (gli ordini qua hanno tempi biblici... : :s : )... ma con lo spoilerone di Topix praticamente l'avevo già  letto quasi tutto 044


Per ora mi sembra una lettura piacevole... voglio dire, va preso per quello che è, NON una biografia o qualcosa di simile, ma semplicemente il personale punto di vista dell'autore, che può essere condivisibile o meno. La sua visione idealizzata della storia del gruppo. Apprezzabile. Originale l'dea di articolarlo come "un'istruttoria".
Comunque aspetto di finirlo e farlo "depositare" un po' per dare un giudizio.
PIEFFE FANS CLUB TESSERA 00002


If I go insane, please don't put your wires in my brain.....

Avatar utente
fletcher
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 5820
Iscritto il: sab feb 19, 2005 4:21 pm
Località: flester Memorial Home
Contatta:

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda fletcher » mer ott 06, 2010 4:59 pm

finito ieri (o ieri l'altro)
simpatico, abbastanza leggero tranne che in rarissimi punti...
a volte ripetitivo comunque non noioso..
dubito però che mi verrà  voglia di rileggerlo
...So ya..Thought ya...
Might like to go to the show...

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » sab ott 09, 2010 8:32 am

Non c'è niente di più ingiusto nella vita........Nel 63 ero il cantante dei Red Caps ,una delle tante formazioni di Cambridge, purtroppo ero anche un tecnico della RAF, così quando fui trasferito a Londra dovetti abbandonare il mio gruppo. Figuratevi come mi sento ,quando un giorno ad un tavolino Roger Waters mi dice che lui e i suoi compagni ,che in quel periodo si fanno chiamare Leonard's Lodgers, stanno cercando un cantante. "Ma non avete già  Barrett"? gli chiedo, e lui mi informa che Barrett preferisce comporre e suonare la chitarra. Non gli lascio finire la frase e accetto. Da quel giorno io lo vedevo il futuro, lo sentivo, la gloria i soldi , la leggenda immortale, sapevo di essermici aggrappato, mentre quelli ancora non sapevano niente......Lo sapete come è andata a finire no ? Gennaio del 1965 la RAF mi spedisce nel Golfo Persico, da allora non si sà  più nulla di me...Sono morto,sono invecchiato laggiù? Sono stato strasferito in qualche altro punto del mondo? Non importa, fine della leggenda....ancor prima che fosse incominciata....e ciao a Chris, non c'è posto per te...fra l'Arabia e la Persia c'è il nulla, è quello il tuo posto Chris............. Chis Dennis.
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » dom ott 10, 2010 4:41 pm

Mentre stiamo provando , vediamo Syd dall'altra parte , con il naso schiacciato nel vetro. Roger perdendo la pazienza esce per domandargli cosa vuole.........."Registrare una canzone, una sola, non siete mica obbligati a metterla sul disco." Roger rientra e dopo un breve consulto decidiamo di accontentarlo. Appena gli facciamo cenno di entrare lui si sbraccia verso un punto del corridoio che noi non possiamo vedere:un minuto dopo irrompe in sala di registrazione una banda musicale di ventisette elementi, la banda dell'Esercito della salvezza che si trovava lì per registrare cose sue. Noi quattro impietriti, i bandisti che prendono posto senza neanche considerarci: "Che cosa dobbiamo suonare maestro?" gli chiede il direttore della banda, e Syd , andandosene "Ma suonete un pò quel che cazzo vi pare". Il risultato l'ha messo poi in JUGBAND BLUES.........Pensate che il giorno dopo nello studio A, i Beatles non smettevano più di ridere per quella storia...........David Gilmor.
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » mar ott 12, 2010 7:31 pm

Oh sì che ne ho vista di gente strana, io schizzati stregoni, pazzoidi psicopatici, matti veri e quando vi dirò il mio nome capirete il perchè.Sono Glen Buxton il chitarrista di Alice Cooper, uno che Marilyn Mason in confronto è un'educanda. stò sbego sulla faccia me l'ha fatto lui per scherzo, bello eh? Sono schiattato nel 97, ma la storia del sale me la ricordo ancora. Arrivano in tournèe stì inglesi quì mai sentiti nominare, e a Los Angeles ci fanno da spalla. Del concerto non ricordo un cazzo perchè ero ubriaco, ma più tardi,a cena, uè, un casino della madonna, troie dappertutto, gente che vomitava sotto i tavoli, Alice fuori di sè perchè non aveva più calze a rete di ricambio, a un certo punto sento nella mia testa un a voce che mi dice: passami il sale, prendo il salino e lo dò al tizio seduto di fronte a me, un tipo magrolino e pallido che non aveva spiccicato parola per tutta la notte, quello lo prende e nella mia testa sento la voce che dice: grazie, ma lo stavo guardando porcazzozza,e aveva la bocca chiusa, vi giuro che è andata proprio così. Il giorno dopo ne parlo con Alice che mi fà :" non mi stupisce, non mi stupisce affatto" Poi ha aggiunto qualcosa a proposito di Supernove, ma non ci ho capito un cazzo.
Adesso che sono da questa parte forse ho capito..........Glen Buxton
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » ven ott 15, 2010 5:29 pm

Terrore e deliquio.......Non è stato proprio Roger nei primi tempi a dichiarare: "La nostra musica può esprimere orrori urlanti o estasi sublimi"??
Non si dice in WISH YOU WERE HERE che "Lui" può esprimere il paradiso dall'inferno??????
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » mer ott 20, 2010 7:51 pm

Faceva male quel muro, quella cosa mostruosa che cresceva fino a separare del tutto i musicisti dal pubblico, faceva male ma a noi che stavamo sul palco dava anche sicurezza: nuda e abbagliante, la scena era il luogo dove si è esposti, indifesi, senza pelle.
Ma le canzoni ti dicevano che a darti protezione e consistenza erano i mattoni, ti dicevano anche che ogni mattone era una ferita , un lutto.
Ti dicevano che potevi salvarti solo nascondendoti, si trattasse di un muro, o di una maschera di gomma o di una falsa identità ....
Ti dicevano anche che così protetto sei destinato a impazzire ad avere un cervello brulicante di vermi, così la tua cattiva coscienza inscena un processo in cui il giudice è un verme, e quel verme nato dall'isolamento della tua testa, ti condanna ad esporti come un neonato:
dunque le forze che hanno eretto il muro sono le stesse che ne ordinano l'abbattimento.
Quanto al genio che ha regalato all'umanità  un'opera destinata a restare, aveva capito che il suo muro più alto erano i PINK FLOYD, e se n'è andato prima che gli crollasse addosso.
Quell'altro genio, invece, ci era rimasto sotto.
Bob Ezrin.
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » lun ott 25, 2010 3:52 pm

No: c'è il pop, c'è il rock, e ci sono i Pink Floyd. Fino al 1983.
Dichiarazione di Roger Wathers.
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » mer ott 27, 2010 9:09 pm

Ho fatto ancora quel sogno tremendo. Sto suonando la batteria, arriva un incappucciato avvolto in un grande mantello nero. con le mani sostiene una grossa tanica di metallo. Senza dire una parola si avvicina ai miei tamburi, svitando un tappo che non avevo notato prima. Poi solleva la tanica e ci versa dentro un liquido rosso che ha tutta l'aria di essere sangue, lo versa finchè il tamburo è pieno e gorgogliante. Fà  cosi con tutti i miei tamburi, riavvita i tappi e se ne và .Io riprendo a suonare ma produco un suono stranissimo, come un boato sottomarino. Cerco i miei compagni ma non ci sono, solo i loro strumenti abbandonati sul palco. Allora guardo in platea e vedo che anche il palco è deserto.....deserto all'infuori di un unico spettatore, faccio fatica a distinguerlo perchè ci sono i riflettori puntati su di me....alla fine lo riconosco, è Bonzo! Tutto imbrattato del suo vomito mortale, se ne sta lì seduto e sorride....Quando smette di sorridere capisco che l'incappucciato è tornato, sento che armeggia con un amplificatore, ma non oso guardare da quella parte.....dopo un pò, un tremendo nitrito si diffonde nel teatro, e allora mi sveglio..........Nick Mason.
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza

Avatar utente
Alexander C.
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 598
Iscritto il: dom mar 04, 2007 6:27 am
Località: Bologna
Contatta:

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda Alexander C. » gio nov 04, 2010 6:01 am

Mi è stato regalato per il compleanno dai miei migliori amici (assieme ad una maglietta di Yellow Submarine dei Beatles) ... quindi *dovevo* leggerlo 003
Scherzo, curioso ero già  curioso, regalo azzeccato, anche se ammetto che vista una mia certa pigrizia in alcune cose difficilmente l'avrei comprato da me.
Avevo già  iniziato un altro libro sui nostri -"PInk Floyd The Wall, Rock e Multimedialità " di Gianfranco Salvatore- che ho messo da parte per leggere quest'altro e ... si tratta di due cose proprio diverse ... "Rosso Floyd" si legge con velocità  ed è fin troppo 'narrativo', mentre l'altro è tipo un saggio universitario (un vero mattone ... uhm ... mattone ... perfetto visto che parla del MURO 044 ) però è una fonte di sapere ed è molto professionale (quello di Salvatore).

Concordo che, sarà  banale dirlo, ma il fatto che sopra a "Rosso Floyd" non sia scritto sufficientemente a caratteri cubitali che è ISPIRATO (e solo ISPIRATO) alla storia dei Pink Floyd genererà  uno stuolo di ragazzini che confonderanno pezzi del libro con cose veramente accadute e dette e ci si incaponiranno sopra.
Certo l'autore lo dice subito nelle prefazioni che si tratta di cose non riportate passo passo, ma ci sono vere e proprie bestialità  ... tipo Alan Parsons che parla di quando ha discusso dettagli mentre con Roger e gli altri lavoravano allo show di The Wall ... di The Wall??? ... MAMIFACCIAILPIACERE!!! :doh:

Sto Syd sovrannaturale paranormale stanca e presto, durante la lettura del libro, che ricorda i deliri visivi di Pink alla Gerald Scarfe ...
Però ...
... però ...
Però, nonostante tutto quello che ho detto e confermo, devo ammettere che leggere questo libro è emozionante e coinvolgente. E' un po' come un riadattamento cinematografico ... e siccome sui Pink Floyd ancora non è stato fatto questo è un interessante metadone. Che Poteva essere scritto meglio.

Avatar utente
Arber
Floyder con le palle
Floyder con le palle
Messaggi: 5355
Iscritto il: dom lug 10, 2005 3:12 pm
Località: Roma
Contatta:

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda Arber » gio nov 04, 2010 8:26 am

Ho finalmente capito qual'è la sensazione che mi scatena sto libro (grazie agli spoiler di Topix).

Ce l'avete presente quelle storie da bar, quasi del tutto inventate, quasi una leggenda, che riguardano un personaggio famoso od un gruppo musicale?
Quelle tipo estremamente ingigantite, e oltretutto contenenti delle informazioni che il "cantastorie" difficilmente poteva sapere...
Ovvero quello che pensava il personaggio in questione..

Ecco. L'ho trovato!

Rosso Floyd è "Voyager" dei Pink Floyd.

Quella trasmissione inutile che non dice assolutamente niente di nuovo, ma che rielabora banalissimi dati presi da internet....


Rosso Floyd è Voyager!

Lo sapevate che Syd Barrett in realtà  era un'alieno? No.
Bene, dopo la pubblicità  vi sveleremo un segreto grossissimo.


....


Bentornati!
Lo sapevate che Syd Barrett era un alieno?
No.

Dalle numerosi fonti e testimonianze possiamo solo dirvi che lui era un'essere speciale. Un vero artista.
Ma ora, che purtroppo è scomparso, non potremmo mai sapere se lui era un'extraterrestre... Rimane il fatto, che lui ha dato un contributo enorme alla musica....



: Lol :
:scared-shocked:

Avatar utente
fletcher
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 5820
Iscritto il: sab feb 19, 2005 4:21 pm
Località: flester Memorial Home
Contatta:

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda fletcher » gio nov 04, 2010 9:14 am

sempre meglio che Porta a Porta... : Cool :
...So ya..Thought ya...
Might like to go to the show...

Avatar utente
Alexander C.
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 598
Iscritto il: dom mar 04, 2007 6:27 am
Località: Bologna
Contatta:

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda Alexander C. » gio nov 04, 2010 4:59 pm

Grande Arber !!!! Hahahahahaha 044 044 044
Uddio, se non l'avete mai visto guardatevi i video della parodia di "Voyager" fatta da Maurizio Crozza "Kazzenger", sono da spanciarsi !

Avatar utente
topix
Floydiano
Floydiano
Messaggi: 631
Iscritto il: mer apr 21, 2010 9:35 pm
Località: Gavorrano

Re: ROSSO FLOYD

Messaggioda topix » dom nov 07, 2010 10:18 pm

Credo che il paragone di Arber calzi a pennello, anche se io lo avrei paragonato a blob......
chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza